Metterci la faccia

Non è facile parlare di infertilità. Chè non è solo discutere di quale clinica, terapia o medico siano i migliori per portarsi a casa “il risultato”. Non è solo elencare quanti tentativi di fecondazione assistita hai fatto, in quale città o paese li hai fatti, quante punture di ormoni, ecografie, visite mediche, analisi del sangue hai fatto. Non è neanche parlare di quale cavolo di problema hai che non riesci a superarlo con la tecnologia disponibile al giorno d’oggi. Non è facile parlare di infertilità. Chi può capire cosa fa ad una donna il trovarsi ripetutamente, per mesi, anni, sdraiata su un lettino sterile e con le gambe aperte, come mancasse di pudore, lasciare che degli estranei in camice bianco sotto impietose luci al neon gestiscano e controllino per te un atto che dovrebbe essere il più sensuale e amorevole e intimo di una coppia, quale quello del concepimento? Solo ora dopo tanti anni, posso avere la chiarezza e la lucidità per capire cosa mi è successo, per elaborarlo ed esprimerlo pienamente. Mentre mi barcamenavo tra ginecologi, embriologi, infermieri e tecnici di laboratorio non avevo forse nemmeno il tempo di capire. Quello che capivo era che soffrivo per un desiderio […]