….e finalmente l’arcobaleno

L’ho sempre saputo, non so perchè, ma fin da ragazza ho sempre avuto il pensiero che avrei avuto problemi ad avere un bambino. A 20 anni quando andavo dal ginecologo per il controllo di routine…chiedevo: “ma potrò avere figli?” E il ginecologo rideva e rideva. Passano gli anni, mai nessun problema, mi innamoro e vado a vivere con il mio amore: dopo 2 anni di convivenza….è ora di aprire il cantiere …. passano 1, 2, 3 anni….sono arrivata a 33 anni forse forse è il caso di dare una controllatina più attenta…la diagnosi: infertilità inspiegata….sia io che mio marito (nel frattempo mi sposo per provare a puntare la nostra attenzione su altre faccende…..ti dicono tutti…tanto quando non ci pensi arriva…bah! Io a questa cosa non ci ho mai creduto) siamo distrutti…quindi? Iui?fivet?icsi? Che facciamo? Nel frattempo tutto il mondo va avanti ma tu non vivi più piuttosto galleggi….non riesci a prenotare un viaggio (meglio non spendere abbiamo tanti esami e visite ancora da fare..), non riesci a godere più di nulla, perchè la tua mente e pure il tuo corpo pensano sempre e solo a quello: non riuscirò mai ad avere un bimbo. E allora decidi: dai forza con questa PMA! E allora inizi…prima punturina….sei felice non vedi di l’ora di fare la seconda….perchè ti sembra di essere un passetto più vicina al tuo sogno….ma poi diventano tante e tante e inizi a sperare che nel frattempo l’amore fra te e tuo marito non vi abbandoni.. perchè adesso avete ben altro a cui pensare piuttosto che coltivare il vostro amore…

Ma continuiamo e finalmente primo pick up e primo transfer da icsi: subito primo positivo….che dire immaginabile e indescrivibile quello che abbiamo provato! Era l’11 luglio 2016, quella sera siamo usciti a festeggiare!!! Poi iniziano le beta, le prime ok, le seconde ok, le terze ancora nei limiti, le quarte mmh, le quinte peggio….aspetto impaziente la visita dalla mia dottoressa…che dopo 20 min di ecografia purtroppo ci dice che il nostro piccolino si è fermato a 2 mm, nessun cuoricino da ascoltare….01 agosto raschiamento. C’e poco da dire se non che ancora oggi mentre scrivo sto piangendo…

Ci prendiamo un mese di ferie e a settembre riproviamo…un altro positivo!!!! Cavolo stavolta andrà diversamente….si infatti il nostro puntino si ferma ancora prima….almeno mi risparmio un altro raschiamento!!!

Passa natale e decidiamo di riprovare a febbraio con gli ultimi 3 ovetti congelati….stavolta niente di niente!!!!

Continuano le cure, le analisi, gli esami…..ma che ci curiamo se non c’e nulla da curare?

Ripartiamo….20 maggio 2017 nuovo pick up….14 ovetti…..tanti….bombardata di medicine ma va benissimo così. Stavolta li fecondiamo tutti e subito…..otteniamo 6 blastocistine e le chiudiamo in cassaforte (criocomservate)….per il transfer non è il caso valori sballatissimi…

Passano 2 mesi e il 17 luglio 2017 facciamo il transfer di 3 ghiacciolini, il 10 agosto sento il suo cuoricino battere….il 03 aprile 2018 è nato il nostro arcobaleno…la nostra bellissima e preziosissima bimba….3.300 kg di amore puro, dopo una gravidanza da incubo….il terrore di perderla ci ha accompagnato dal primo istante e sinceramente non credo ci abbia mai abbandonato del tutto!

Passano i giorni, lei ha adesso 3 mesi, è uno spettacolo della natura…il ricordo degli anni passati, delle cure ma soprattutto del dolore provato è ancora vividissimo in noi…ma adesso alzo lo sguardo, la vedo dormire beata nella sua culla e mi dico: meno male che non mi sono arresa!

Non arrendetevi mai, insistete sempre finchè potete e finchè anche un piccolo pezzettino di voi stesse vi dice che dovete provarci ancora e ancora….avvolte l’arcobaleno arriva veramente!!!

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento