Chi come me?

Ciao a tutte,
a seguito delle nostre difficoltà di concepimento, io e il mio compagno ci siamo presi una pausa di riflessione. Lui dice che io mi sono accanita in questa ricerca e che è il mio unico obiettivo e non penso più al nostro rapporto. Io invece non mi sento capita, mi sento difettosa e sola in questo cammino. Sembra che lui mi assecondi solo per farmi un piacere, che questo desiderio sia solo mio e che io debba sottopormi a tutto per realizzare il sogno di entrambi. Lui invece dice che la sto prendendo troppo male e che se reagisco così, per cercare un figlio, rovino tutto il resto.

Sono sfinita, volevamo essere in tre e adesso mi ritrovo da sola. Chi come me? Siete riuscite almeno a rimettere in piedi il vostro rapporto?

Grazie,
Linda

2 commenti
  1. chia
    chia dice:

    Cara Linda,
    anche noi come voi abbiamo problemi di concepimento e già accettare questo non è facile. Noi ci siamo fermati un attimo, per prendere “respiro” dopo due tentativi di IUI purtroppo non andati bene. Mesi intensi, ricchi di stress, domande a cui non troviamo risposte e questo mi rende molto nervosa, nessuno con cui parlare che capisca i tuoi sentimenti ed emozioni, paure e dubbi..e dopo tutto questo marasma mi sono fermata e ho capito che per affrontare tutto mi devo fermare un attimo, cercare serenità e tranquillità. Ho capito che la serenità di coppia è fondamentale, che è necessario parlarsi ed ascoltarsi, anche se non sempre si ha voglia e la forza di affrontare la situazione..ma tutto ciò è necessario perché sia io che mio marito siamo importanti, abbiamo bisogno di serenità per affrontare il nostro cammino ed è solo confrontandoci ed essendo uniti in questo potremo essere così forti da trovare il modo di affrontare la situazione.. noi ci siamo fermati a parlare, a confrontarci, a capirci, a porci le nostre domande… questo è un piccolo passo che credo posso aiutare.. ti sono vicina un caro saluto.

  2. tweetyforever
    tweetyforever dice:

    Cara Linda80,
    l’unica cosa certa che posso dirti è che il benessere della coppia viene prima di tutto … non puoi affrontare serenamente la pma se la coppia non è solida e forte … forse tuo marito la vive diversamente da te e per questo ti consiglio di parlarne tanto insieme, di capire ciò che pensa lui e quello che pensi tu … confrontatevi e poi andate avanti … ma prima di tutto parlatevi e chiaritevi …
    Per la donna è sicuramente più difficile, a volte pensiamo che per gli uomini non sia così difficile, invece a volte ci stanno più male di noi ma nascondono quel che provano …
    un abbraccio

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento