Ho aspettato tanto

3 anni di ricerca, di test, analisi. 3 anni di liti, di pianti, di speranze disattese.
Finchè quel giorno non sei arrivata tu, piccolo puntino pieno di speranza.
Sei cresciuto, piccolo puntino, fino a diventare grande come la mia mano e poi ancora di più.
Lacrime di gioia, quando ti ho preso tra le mie braccia per la prima volta.
Eri cosi bella e insperata che avevo paura di rompere l’incantesimo toccandoti.
3 anni che mi hanno portata a 3, 3 anni che ora mi sembrano pieni di senso,necessari.
3 anni che mi hanno fatto diventare quello che sono, pronta per accogliere te.

Benvenuta, mia piccola Giada.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento