Mattia il nostro miracolo

Ciao vorrei donare la mia storia a tutti coloro che percorrono questo cammino e ogni tanto perdono la speranza. ..cosi come facevo io… mi presento Sono Chiara sposata da ben 11 anni con Peppe..i primi anni sposati non pensavamo nemmeno ad avere un figlio..o per di più in me c’è stato sempre quel desiderio di mamma ma non ci mettevo tanta testa…ma gli anni passano e quel desiderio diventa pian piano il mio bisogno primario. ..così avendo da sempre un ciclo irregolare ogni mese inizia la corsa al test..ma con un susseguirsi di delusioni..il mio ginecologo diceva “c’è tempo stai tranquilla “ma gli anni passavano e tutto taceva..finalmente troviamo il coraggio di prendere in mano la situazione e di iniziare a fare dei controlli iniziando da mio marito  visto che i miei problemi li sapevo già. .l’andrologo dopo esami ci consiglia di ricorrere alla fecondazione se non volevamo più prenderci in giro con le infinite cure..così scrive una lettera al mio ginecologo. .e lui che fa?se ne lava le mani dicendoci che c’erano tanti centri a cui poter rivolgerci. .così amareggiati dal suo non Aiuto ..ci affidiamo alla tecnologia e iniziamo la ricerca dei centri su internet. ..premetto che sono siciliana precisamente di siracusa..prenotiamo con mio marito una visita a ct  in un un centro a pagamento e il giorno successivo una a Roma con un prof londinese. .era febbraio 2011..dalla visita catanese usciamo più confusi di prima ..ci sentimmo rubati i soldi senza tanti chiarimenti. ..della visita Romana uscimmo veramente soddisfatti e decidemmo di affidarci a loro che come sede per la fecondazione l’avevano a Napoli. ..così tramite questo prof ci affidammo ad una ginecologa catanese..che poteva seguirci nei diversi esami da fare prima e in tutta quella che concerne la preparazione alla icsi. ..insomma iniziano i viaggi a ct…le corse per rientrare in tempo dai permessi a lavoro..le cure preparatorie. .insomma tutto nel massimo dell’ottimismo. ..arriva finalmente il giorno della partenza per Napoli per poter fare la tecnica era luglio 2011..eravamo fiduciosi e felici…fatto tutto in clinica privata ..su 7 se ne fecondarono 3..fecero il transfer di tutti e tre..ma il risultato fu un bel negativo. .e mesi e mesi di lacrime..ma ci rimettiamo in corsa e affidandoci sempre alla mia ginecologa di ct provammo con diverse cure..ma i mesi passavano..ad un anno dal tentativo fallito parliamo di agosto 2012 arriva una gravidanza del tutto spontanea ma finita in aborto alla 7 settimana. .non potete immaginare neanche il tempo di essere felice che finiamo di nuovo nel tunnel della disperazione. .la perdita di un figlio ..quale dolore più grande. ..ma la corsa continua con cure speranze date dal ginecologa che tutti i mesi ne usciva una nuova. .ci rendemmo conto che la signora dottoressa aveva capito come raggirarci e fregarci denari. .decidemmo così visto che dovevamo andare a milano a trovare mia sorella di sentire qualche altra campana e prenotammo 2 visite una al Mangiagalli e un altra all’humanitas di Rozzano. .lo fecimo presente alla carissima dott.ssa e Lei rispose con queste parole “potete andare in capo al mondo il risultato sarà zero””😱😱quelle parole ci ferirono profondamente. .fecimo le 2 visite entrambi ci dissero che unica soluzione era icsi inutile perdere tempo con cure…e ci misero in lista ..era novembre 2013..gennaio 2014 ci chiamano da humanitas icsi prevista per marzo. .si riparte per ulterIori esami a gennaio ..e poi eccoci a marzo dopo la preparazione ..il 7 marzo 2014 vengo sottoposta a pick up…ambiente sereno infermieri e dottori super…poca roba prelevata. .e il 10 marzo transfer di solo uno…ma la biologa mi disse così “signora è solo uno ma molto molto bello”potete immaginare me..ero già sicura che sarebbe andata male….ma quell’uno quella lucina bianca vista nel monitor quel 10 di marzo oggi ha un nome si chiama mattia ha 2 anni ed è il miracolo della nostra vita…con questo voglio dirvi di ascoltare il vostro cuore e di non arrendervi mai..scusate se sono stata lunga..

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento