Sul nascere

Serena si sbaglia. Io faccio l’embriologa e non sono né indifferente né tantomeno distaccata. Se potessi mi piacerebbe spiegarle che i Cervelli possono parlare con altri Cervelli solo con le parole, proprio come sto facendo adesso con voi. Un Cervello può parlare con il proprio Cervello: attraverso i pensieri, come ciascuno di noi fa in questo momento con se stesso. Ma quello che serve ai suoi ovociti non è che io parli con lei, ma con il suo Corpo. E il Cervello non può parlare con il Corpo. Con i corpi che sono di fronte a noi o con il nostro stesso corpo possiamo parlare solo attraverso un linguaggio chimico, attraverso quello che gli facciamo fare, ad esempio. E se i corpi di coloro che vengono qui non ce la fanno a fare un bimbo, li aiuterà il mio corpo, li aiuteranno le mie mani.

A nulla servirebbe la mia simpatia o la mia comprensione che aiuterebbe il suo cervello, ma non servirebbe a darle quello che lei chiede. A nulla servirebbero le mie parole: l’ovocita è un corpo, lo spermatozoo è un corpo e non possono ascoltare né le mie parole né i miei desideri. Io posso parlare con loro solo con le mie mani, utilizzando strumenti e manopole. Solo le mani: fredde, come quelle di un killer. Attente, come quelle di un assassino che non voglia lasciare tracce.

C’è una sola differenza tra le mie mani e le mani di un assassino: più saranno spietate, le mie mani, più saranno in grado di dare la vita. Anziché toglierla. Io non posso tremare, e le mie mani non possono sbagliare. Un errore significherebbe solo dolore.

 

Tratto da “Sul Nascere”, di Carolina Sellitto, C1V Edizioni

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento