Tutti mi chiedono quando diventerò mamma….

Ho 31 anni e sono sposata da 3 anni con un uomo stupendo che è anche il mio migliore amico.

Ci siamo conosciuti 10 anni fa tramite un’amica in comune e ho capito subito che sarebbe stato l’uomo della mia vita.

Il primo anno non abbiamo cercato figli perchè avevamo bisogno della nostra intimità, di viverci e crescere come coppia.

Provengo da una famiglia cattolica fortemente credente e praticante per cui per tutto il periodo che io e mio marito siamo stati assieme come fidanzati ci è stato impedito di fare anche solo un week end da soli pena dover andare contro i miei e perdere la loro stima, per cui è più che normale che il primo anno di matrimonio sia stato dedicato solo a noi.

I miei genitori e quelli di mio marito iniziavano già a storcere il naso perchè desideravano un nipotino e già cominciavano a fare confronti con mia cognata che ha donato a loro il primo nipote…Quanto è brava, quanto li ha resi felici ecc…

Il secondo anno avevamo deciso che era giunto il momento di avere un bambino ma, a sorpresa, sono andata di ruolo (sono un’insegnante di sostegno di scuola primaria) e per guadagnarmi il tanto sospirato posto fisso dovevo fare almeno 182 giorni di servizio per cui ho dovuto rinunciare a diventare mamma e rimandare.

Quest’anno finalmente abbiamo iniziato a provarci.

Non credevo sarebbe stato difficile visto che siamo entrambi giovani e senza problemi….e invece….

Essendo la più giovane di tutte le insegnanti, mi è stato affidato il bambino più grave dell’intero istituto comprensivo.

Amo molto il mio lavoro e do tutta me stessa ma l’apprensione e lo stress accumulati si sono fatti sentire….

Il ciclo, che è sempre stato regolare, ha cominciato ad essere irregolare e a venire quando vuole lui.

Una volta è arrivato con 15 giorni di ritardo, pensavo di avercela fatta, di essere incinta, immaginate la mia delusione quando ho scoperto che era solo un ritardo!

Per farla breve, sono 10 mesi che ci proviamo senza risultati.

Ho acquistato anche i test di ovulazione (che sono costosissimi), facciamo il nostro “dovere” nei giorni stabiliti, stanchi o non stanchi, voglia o non voglia, senza saltare nemmeno un giorno.

E intanto tutte le persone intorno a me restano incinte con una facilità estrema, molte anche per sbaglio.

Mi sale una rabbia tremenda e ogni volta che arriva il ciclo sono giorni di pianto.

Sono andata dalla ginecologa che ha detto che è solo colpa dello stress, il che mi preoccupa visto che dovrò seguire questo bambino per altri 4 anni visto che, ovviamente, essendo autolesionista e aggressivo nei confronti di compagni ed insegnanti, nessuno vuole farsene carico.

I miei genitori, i miei suoceri e i parenti non fanno altro che chiedere e ormai mi vedono come l’egoista che non vuole avere figli.

E’ uno stress infinito, un tunnel senza mai fine.

 

 

1 commento
  1. Anna_Trigilio
    Anna_Trigilio dice:

    Ciao ti capisco bene, lo stress non aiuta e in più ci si aggiungono le pressioni esterne che certe volte ti viene da mandarli al diavolo. Le persone attorno a te sanno essere davvero molto insensibili senza rendersene conto.. Un abbraccio e che il tuo sogno diventi presto realtà.

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento